Ortodonzia dal 1988

 

Apparecchi fissi, mobili e invisibili

 

La moderna odontoiatria è in grado di soddisfare oggi le più sofisticate richieste inerenti l’estetica e la funzione dell’apparato preposto alla masticazione ed al sorriso. Sempre più frequentemente il ripristino di un’estetica facciale ottimale rappresenta l’obiettivo prioritario di coloro che si accostano alla terapia ortodontica.
Una forma, dimensione e posizione alterata dei denti visibili durante il movimento di apertura delle labbra possono talvolta peggiorare notevolmente l’aspetto estetico dell’ovale del viso nonché la sua espressione.
Nel nostro studio l’ortodonzia dell’adulto ricopre una grande importanza come ausilio nelle riabilitazioni proteiche complesse.

 

  • Apparecchi visibili
    L’apparecchio ortodontico fisso, che può essere incollato o cementato ai denti, o quello mobile, applicato e rimosso dal paziente, si configurano come lo strumento principale di lavoro dell’ortodontista, opportunamente selezionato in relazione allo specifico obiettivo terapeutico da raggiungere.
    Esso è in grado di spostare i denti nella posizione finale programmata, il cui ottenimento può richiedere l’ausilio di più apparecchi, in particolare quando il caso clinico presenti anche problemi di crescita scheletrica.

 

  • Apparecchi invisibili
    Oggi sta prendendo sempre più piede l’ortodonzia invisibile (INVISALIGN) termine di recente definizione. S’intende un approccio con apparecchi che non si notano quando vengono portati, utilizzando diverse e susseguenti mascherine pressoché impercettibili all’osservazione del paziente.

 

Lascia un commento